martedì 2 ottobre 2018

I nuovi negri (Il Lavoro Fascista - maggio 2018)

Vorrei cominciare tranquillizzando le vestali dell’antirazzismo nostrane, che già staranno lanciando guaiti indignati, dopo avere letto il titolo di questo articolo, perché i negri dei quali andrò a parlare non sono individui di pelle scura, ma sono negri metaforici, e più precisamente i tanti italiani falsi Fascisti che in questo periodo si stanno comportando esattamente come i negri americani di qualche decennio fa, i quali, nonostante vivessero in uno Stato infame come gli USA, che ne limitava i diritti con apposite Leggi, facendone cittadini di serie B, si davano da fare per gli interessi di questo Stato senza ribellarsi in alcun modo.
A qualcuno parrà strano questo paragone, ma chi avrà voglia di seguirmi capirà…
Prima di addentrarmi nell’attualità, mi concedo, come faccio spesso, un riassunto storico; quelli dotati di un minimo di cultura ed intelligenza, sanno bene che i tanto deprecati Fascismo e Nazional-socialismo non furono mai razzisti nell’accezione più comune del termine. E’ vero, parlavano di preservare le razze (tutte, non solo la loro), ma non fecero mai ridicole classifiche di razze più o meno superiori. Persino la lotta contro gli ebrei, che non aveva nulla di razziale, non era altro che autodifesa contro una lobby (e non razza) dedita a cercare di governare il mondo impadronendosi della finanza di tutti i Paesi. La prova di ciò è nel fatto che sia in Italia, sia in Germania, moltissimi ebrei restarono al loro posto senza che nessuno gli torcesse un capello… Ovvero, non era importante la razza, ma il comportamento.
Molto diversa è la questione razziale tanto cara agli anglosassoni e che non prevedeva affatto esenzioni: se eri negro, aborigeno, nativo americano e quant’altro, eri inferiore e non avevi diritti. Punto e basta.
Ricordiamo agli immemori ed ai cialtroni giudei come Enrico Mentana, che definì la II Guerra Mondiale come “Guerra delle democrazie contro il razzismo” (Sigh!), qual era l’ambiente dei sedicenti “antirazzisti:
(…) Per diverso tempo dopo il suo ritorno a casa, Owens difese il modo con cui era stato trattato da Hitler e dalla Germania, soprattutto in confronto all’accoglienza che aveva ricevuto dai suo connazionali una volta tornato negli Stati Uniti, dove la segregazione razziale era ancora in vigore (e lo sarebbe stato per altri trent’anni). Owens paragonò il fatto che Hitler gli avesse inviato un proprio ritratto autografato con il comportamento del presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Roosevelt, che non lo invitò alla Casa Bianca e non gli fece nemmeno una telefonata di congratulazioni.
In Germania Owens aveva dormito negli alberghi insieme agli altri atleti e alle altre celebrità. Quando negli Stati Uniti partecipò a una manifestazione all’albergo Waldorf Astoria, fu costretto a entrare dall’ingresso posteriore e a utilizzare l’ascensore di servizio invece di quello riservato agli ospiti bianchi dell’albergo. Raccontò in un’intervista: «Dopo tutte queste storie su Hitler e il suo affronto, quando sono tornato nel mio paese non potevo ancora sedermi nella parte anteriore degli autobus ed ero costretto a salire dalla parte posteriore. Non potevo vivere dove volevo. Allora qual è la differenza?». Nel libro Triumph, l’autore Jeremy Schaap attribuisce a Owens la frase: «Non fu Hitler a farmi un affronto. Fu Roosevelt». (…)
Cose note, direte voi… Neanche tanto, rispondo io, visto che ancora oggi milioni di coglioni credono alla favola del Fuhrer furioso per le vittorie di Owens e che rifiuta di stringergli la mano per razzismo!
USA-4465
Caso mai qualcuno avesse ancora dei dubbi sulla questione razzismo, ho trovato in rete un interessante brano che parla del razzismo imperante negli USA (ed in tutti quei Paesi che hanno avuto la sfortuna di essere colonizzati dai barbari di etnia anglosassone; questo documento sarà certamente molto deludente per i tanti ritardati mentali italiani che si eccitano utilizzando simboli del cosiddetto “white power” e delle mille sigle di razzisti provenienti dagli USA, in quanto dimostra ciò che loro non hanno ancora oggi compreso: per i finti nazisti americani e per tutti i loro emuli, noi italiani, insieme a tutti gli altri europei non nordici, siamo semplicemente dei Negri!
“Negli anni ’40 del XIX secolo proprio quando la popolazione degli Stati Uniti d’America iniziò a diventare più disomogenea con l’aumento dell’immigrazione dall’Europa meridionale ed orientale si diffusero convinzioni sulla necessità di distinguere i “bianchi”. Nacque la suddivisione etnica dei “caucasici” in una gerarchia razziale stabilita scientificamente al cui vertice vi erano gli anglosassoni e i popoli nordici.
Il 1° gennaio 1863 venne abolita la schiavitù da Abraham Lincoln, nel 1865 con la sconfitta dei Confederati Sudisti e la conferma dell’abolizione della schiavitù l’ideologia razzista negli U.S.A. si istituzionalizzò a partire dal 1870 basandosi sulle teorie del razzismo scientifico appena formulate e moltissimi Stati dell’Unione (quasi tutti) introdussero leggi discriminatorie (le Leggi Jim Crow abolite nel 1964) praticamente di segregazione razziale che definivano anche il reato di “mescolanza razziale” cioè la proibizione di matrimoni misti e delle unioni interrazziali. 
Nella maggior parte degli Stati Uniti le persone provenienti dal Portogallo, dalla Spagna, dalla Francia del Sud, dall’Italia del Sud, dalla Grecia, dal Nord Africa e dal Medio Oriente furono classificate «diversamente bianche» e lo stesso termine “bianco” era in riferimento agli anglosassoni, i germanici e gli scandinavi. L’appartenenza alla razza bianca dei non-nordici (come gli slavi) era spesso messa in discussione. Gli europei del Sud erano considerati appartenenti alla “razza mediterranea”, a sottostare alle peggiori condizioni, e in molti Stati vennero equiparati ai neri, con diverse accentuazioni da zona a zona. Persino gli irlandesi ai quali si attribuivano origini mediterranee (?) erano oggetto di forte pregiudizio e discriminazione. Spesso però il preconcetto non colpiva tanto l’origine etnica di questi quanto la religione cattolica professata dagli immigrati “papisti”, che nella società puritana statunitense erano guardati con grandissima ostilità.
L’Immigration Restriction League, fondata nel 1894, grazie alla pressione politica ottenne la chiusura delle frontiere statunitensi tra il 1921 e il 1924 opponendosi anche all’immigrazione dei popoli mediterranei. L’organizzazione fece passare leggi che proibivano l’entrata nel paese ai mediterranei analfabeti modificando le quote d’ingresso, gli spagnoli e gli italiani erano i popoli più analfabeti d’Europa e solo il 15% di questi emigranti poté entrare negli USA. Per contro fu grandemente aumentata la quota consentita per gli immigrati provenienti dai paesi nordici.
Nel 1922 in un tribunale dell’Alabama una donna italiana stuprata da americani venne dichiarata “non appartenente alla razza bianca”, nel 1927 furono condannati a morte ingiustamente i due italiani anarchici Sacco e Vanzetti, questi due fatti provocarono grave scontento e sconforto nell’opinione pubblica italiana che si sentì colpita razzisticamente dalle nazioni dell’Europa occidentale. Gli Italiani venivano visti come mediterranei dalla pelle olivastra non propriamente bianchi un po’ come gli zingari.
Solo dagli anni ’30 del XX secolo con la paura del “pericolo comunista” dopo la crisi di Wall Street la strategia politica cambiò, in tutti gli States si adottarono teorie meno rigide e i segregazionisti estesero i diritti dei bianchi a tutti i “caucasici” gruppo razziale che includeva anche la razza mediterranea per paura che questi discriminati creassero una coalizione con asiatici e neri”.
Capito cari razzisti all’amatriciana? Mentre voi oggi giocate alla razza superiore, le vostre nonne venivano stuprate negli USA e non avevano giustizia, in quanto gli italiani non appartenevano alla razza bianca!
Detto questo, dopo avere ridicolizzato tanti idioti, torno al discorso principale, cioè “fascisti” nostrani (o presunti tali), uguali ai negri americani.
Perché? E’ presto detto; i Fascisti odierni vivono in un regime illiberale praticamente privi di diritti… Si va dal malato di mente di etnia giudaica, Emanuele Fiano, che vorrebbe in galera chiunque osi vendere e/o acquistare un misero gadget storico, fino alle dichiarazioni praticamente quotidiane di falliti della politica che incolpano il Fascismo di ogni sorta di male a partire dal peccato originale… Mentre nelle piazze si sente ancora cantare che “Uccidere un Fascista non è reato”, e si vedono legioni di pidocchiosi drogati che tentano di impedire quelle iniziative che i loro cervelletti di tossico-dipendenti individuano come “Fasciste”.
Tutto questo con il benestare di forze dell’ordine e magistrati, uniti nel punire e processare chi osa fare un saluto romano, ma ciechi, sordi e muti di fronte ai tanti reati delle zecche di sinistra.
Il cosiddetto Presidente “Cagarella”, la zecca passata dai centri sociali alla presidenza della Camera Fico, per finire a qualche oscuro Sindaco di centri microscopici che toglie per decreto la cittadinanza onoraria a suo tempo data a Mussolini, o che propone ordinanze illegali che vietano la propaganda non antifascista, sono solo alcune delle tante porcate che un Fascista odierno deve subire quasi quotidianamente, ed a queste si aggiungono i vari pistolotti di pseudo giornalisti sempre pronti a straparlare di violenze “fasciste”, stragi “naziste”, aggressioni “squadriste” e cazzate simili assortite.
Ebbene, cosa fa il Fascista (o presunto tale) di oggi? Nulla, esattamente come il negro americano degli anni passati! E spesso, oltre a subire in silenzio, si mette a parteggiare per questo o quell’altro soggetto, benché tutti amino definirsi antifascisti.
Negli USA del razzismo, i negri accettavano supinamente di essere cittadini di Serie B, ed invece di boicottare questo sistema politico infame, spesso si facevano in quattro per rendere grande la Nazione; lo stesso Owens, lucido e critico nelle dichiarazioni che ho riportato sopra, restò al suo posto, partecipò alle Olimpiadi per gli USA, vinse le medaglie d’oro che per sempre saranno conteggiate come medaglie vinte dagli USA, si mise sugli attenti durante le premiazioni mentre la banda suonava l’inno degli USA… Cioè di quel Paese che impediva a quelli come lui di sedersi nei locali pubblici, sui mezzi pubblici e in qualsiasi posto non fosse contrassegnato dal cartello “Colored”!
African-americans-wwii-002
Persino durante la II guerra Mondiale i negri americani rimasero al loro posto e servirono quella Patria che non li voleva mischiati ai soldati bianchi, relegandoli in reggimenti composti da soli soldati negri, ma comandati da alti ufficiali bianchi; rischiavano e spesso perdevano la vita per rendere grande una Nazione che li umiliava ed insultava, trattandoli da cittadini privi di diritti.
220px-Rex_theatre
Non vi ricordano qualcuno?
Pensate agli ultimi avvenimenti della politica italiana, senza andare troppo indietro con gli anni: come si comportano i Fascisti in Italia? Si ribellano forse alle squallide discriminazioni? Si uniscono in un unico partito dichiaratamente ed orgogliosamente Fascista e Nazionalsocialista per riprendersi i loro diritti e la loro dignità? Boicottano questo Stato infame ed illegittimo che discrimina chi non si schiera con la maggioranza? Si astengono dal voto perché non vogliono sostenere i vari partiti antifascisti?
NO! Al contrario, li vediamo correre e scodinzolare come tanti negretti fra le gambe dei vari antifascisti di destra e di sinistra, mendicando da loro un minimo di considerazione e partecipazione ad una vita politica che non li dovrebbe riguardare.
1920px-'Colored'_drinking_fountain_from_mid-20th_century_with_african-american_drinking
Ricordate gli schiavi negri delle piantagioni di cotone, alla fine della guerra di secessione? Presero le armi in un’ultima disperata resistenza, sparando contro quei nordisti  che stavano arrivando per liberarli (non era vero, ma questo è un altro discorso!)… I nostri, più modestamente e senza fucili, si limitano a prendere le armi virtuali per difendere l’ex leader dei comunisti padani, cioè Matteo Salvini, nonché i vari carneade che recitano il teatrino del Movimento 5 Zecche, così ribattezzato in quanto espressione del voto di tutte le zecche italiane appartenenti ai centri sociali… Li abbiamo visti persino minacciare il presidente della Repubblica per avere osato fermare l’elezione a Ministro del giudeo Savona, come se la nomina di questo ennesimo esponente della comunità ebraica potesse in qualche modo soddisfare noi Fascisti!
Senza contare quelli che parteggiavano per Casa Down, cioè gli ultimi falsi Fascisti nati dalla tradizione dei falsi Fascisti del MSIDN, Forza Vecchia e ridicoli alleati, cioè gli epigoni dell’esercito papalino preso a calci nel culo nel 1870 dagli italiani (quelli veri), per finire con i famosi Fratelli d’Israele, altro pezzo del rottame MSIDN svenduto al peggiore  giudaismo internazionale di destra.
Leggete le loro stesse dichiarazioni, se siete come quelli che ci accusano di insultare i “camerati” senza motivo, magari per gelosia!
“Salvini si dichiara antifascista: Il 25 aprile sarò in piazza”.
Matteo Salvini, insieme a Crosetto di Fratelli d’Italia, si dichiara antifascista”.
“Salvini in una recente intervista ha dichiarato che se dovesse diventare premier scenderà in piazza il 25 aprile per festeggiare insieme a tutti gli altri: “Certo, sarà mio dovere esserci” dichiara il leader della Lega”.
“Crosetto di Fratelli d’Italia è stato il primo. In una diretta TV Crosetto, candidato e coordinatore nazionale di Fratelli d’Italia, si è detto vicino con il cuore alla manifestazione antifascista organizzata dalla sinistra a Roma la settimana scorsa”.

Per quanto riguarda la Lega, in realtà, le sue connotazioni sono antifasciste dalla nascita, ovvero già dalla gestione di Bossi. Nel 1994, al corteo che organizzò la Lega Nord, alcuni esponenti leghisti vennero bastonati da alcuni partigiani e affini: “Le manifestazioni del popolo sono così, è normale che un po’ di confusione ci sia.

Noi siamo antifascisti” disse Bossi. Tanto che l’anno seguente Lega e ANPI tornarono a sfilare insieme e nessuno ebbe qualcosa da obiettare, probabilmente le parole di Bossi sdoganarono il suo movimento agli occhi dei comunisti”.

Leggete con i vostri occhi il documento originale ed evitate di vomitare, se riuscite:
Quindi, miei cari negretti travestiti da Fascisti, continuate a godervi tutto il lerciume della politica italiana, di destra o di sinistra che sia, ma state lontani da cose serie come Fascismo e Nazionalsocialismo, dato che non avete neppure il diritto di parlarne… Avete sostituito Hitler e Mussolini con Beppe Grillo e Salvini, avete svenduto una Storia che ha portato progresso ed evoluzione con bande di ignoranti senza cultura che tuonano persino contro la costruzione di nuovi ponti, siete diventati luridi lacchè dell’Europa dei banchieri e dell’Euro, ma continuate a spacciarvi per “sovranisti” e/o Nazionalisti… Ed infine, da fieri ed unici avversari dello strapotere della lobby giudaica, vi siete trasformati in leccaculo della sinagoga e dello Stato pirata di Israele.
E non saranno certo le urla contro l’immigrazione di un cretino leghista, ex comunista padano anti italiano che fino a pochi mesi fa blaterava di Nazione Padana e porcate varie.
I Fascisti veri non dimenticano e non parteggiano per certa feccia; gli altri possono andare a prendersela in un posto a loro noto!

Carlo Gariglio

martedì 11 settembre 2018

Ispettori ONU in Italia: l'Italia rovesci il tavolo sull'immigrazione


L'Arabia Saudita, in cui gli eretici vengono decapitati e le donne trattate come noi nemmeno tratteremmo gli animali, NO.

La Francia, che blinda le frontiere e ci rimanda indietro le clandestine anche mentre stanno partorendo con tanto di gendarmi pistola in pugno, NO.

La Spagna, che spara addosso ai clanestini che cercano di abbattere i perimetri difensivi di Ceuta, NO.

La Germania, che espelle forzatamente gli immigrati senza nemmeno verificare la loro richiesta di asilo, NO.

L'Italia, che cerca di difendere le proprie frontiere dopo anni e anni di invasione scellerata e indiscriminata, SI: invio degli ispettori ONU per presunte violazioni dei diritti umani, manco fossimo una dittatura sudamericana. Così ci dobbiamo subire la Bechelet che viene qui, nella Nostra Nazione, a darci lezioni di moralità e di correttezza, noi che l’immigrazione l’abbiamo sofferta più di tutti gli altri, con decine di centinaia di parassiti che sono liberi di vagare sul nostro territorio dilettandosi nell’arte del cazzeggio, del borseggio e dello stupro. Non ultimi i clandestini della Diciotti, in teoria accolti dalla Chiesa di Papa Bergoglio, in pratica lasciati liberi di ciondolare chissà dove per le strade. Se qualcuno di questi dovesse delinquere di chi dovrebbe essere la colpa? Di quello Stato Italiano che ha permesso loro di allontanarsi per andare a finire chissà dove? Oppure di quei magistrati che hanno inquisito il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, proprio perché ha cercato di far si che questa gente venisse schedata e fosse vagliata la propria posizione?

L'Italia rovesci il tavolo sull'immigrazione, e che i 20 miliardi annuali dell'Italia se li trovino da qualche altra parte. Pagare questa montagna di soldi – è già troppo se ce ne rientra la metà – per avere delle radical/femministe che vengono a trattarci manco fossimo l’Afghanistan, è francamente troppo.

mercoledì 29 agosto 2018

Sostituzione etnica e informazione collusa: ecco cosa accade in Germania

In Germania un uomo cerca di difendere la propria donna da due untermenschen clandestini che vogliono violentarla, e viene ucciso.
I patrioti tedeschi cercano Giustizia per le strade attirando su di loro l'ira di stampa prezzolata e politici collusi, che piagnucolano di pericolosi naziskin che danno la "caccia al negro".
La Germania e l'Europa - con l'immissione forzata di subanimali che niente hanno a che vedere con noi, con la nostra pelle e la nostra Tradizione - sono colpevoli dello sterminio della nostra razza e della cancellazione delle identità europee.
Il vento forse non cambia, ma se cambia... vi verremo a cercare casa per casa e non basteranno i lampioni ai quali appendervi e i proiettili per le esecuzioni sommarie.

domenica 26 agosto 2018

Si è mossa la fanteria pesante della sinistra: indagato Matteo Salvini


La campagna contro il Governo Italiano – concentrata in questi giorni sulla vicenda della Diciotti – sale di livello e, come prevedibile, la sinistra manda in prima linea la sua migliore artiglieria pesante: la Magistratura. Quella stessa che non ha aperto nemmeno un’indagine per il crollo del ponte di Genova. Il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, è ufficialmente indagato dalla Procura di Agrigento per abuso d’ufficio e sequestro di persona.

Per l’ennesima volta, in Italia, si cercano di modificare gli equilibri politici mediante l’arma giudiziaria, utilizzando i magistrati come vero e proprio grimaldello per scardinare un Governo che, bene o male, sta cercando di fare quello che in questa Nazione non si faceva da tanto: difendere i confini nazionali da una vera e propria invasione di clandestini. Invasione che avviene nel totale disinteresse di un’Europa che, anche nell’ultimo vertice europeo, ci ha risposto quello che ci dice ormai da anni: arrangiatevi. 

Non si capisce, a questo punto, perché gli strali dei sinistri di casa nostra non siano dedicati in massima parte a quell’Unione Europea che ci ha lasciato completamente soli a gestire un fenomeno che dovrebbe coinvolgere l’Europa tutta. Di più: dobbiamo sorbirci Emma Bonino, sul Corriere della Sera, che starnazza “I nostri alleati europei ci guardano e rimangono allibiti”. No: quelli che sono nient’altro che i nostri nemici europei non muovono una mano per aiutarci e ci hanno detto molto chiaramente che a loro, della sorte dei clandestini della Diciotti e di quelli che puntualmente arriveranno, non importa un fico secco. Perché la Bonino non ha nulla da dire su questo? L’Europa non ha nessuna colpa? Nessuno dei Paesi membri dell’Unione si è fatto carico dei clandestini che, secondo gli accordi, avrebbe dovuto prendere: solo la Francia ne ha presi una ventina, per il resto è zero assoluto.

La Costituzione, si dirà. Come al solito i peggiori criminali sono mossi dalle migliori volontà umanistiche. Gioverebbe ricordare che la Costituzione è stata fatta dagli italiani e per gli italiani: dove mai c’è scritto che la sola Italia dovrebbe accollarsi, da sola, tutti i poveri e i derelitti del mondo (ammesso e non concesso che lo siano per davvero)?  

Andiamola a vedere, questa Costituzione, citata così spesso e volentieri:

Art. 1. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione (principio fondamentale).”
“Art. 5. La Repubblica è una e indivisibile.”
“Art. 52. La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino.”
“Art. 54. Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi”.

Nell’articolo 52 – la difesa della Patria – rientra anche il non far sbarcare genti straniere, che sono entrati in Italia clandestinamente, violando quindi gli ordinamenti previsti dal nostro Stato? Certamente si. È così in tutti i Paesi europei, in tutti i paesi del mondo: se vuoi entrare devi chiedere permesso.

Comunque sia: e adesso? Adesso la palla passa al Tribunale dei Ministri, competente per reati commessi dal Presidente della Repubblica, dal Presidente del Consiglio e dai ministri nell’esercizio delle loro funzioni. In caso di autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini, la Camera potrà decidere di fare quadrato attorno al Ministero dell’Interno, negando l’autorizzazione a procedere giustificandolo sulla base che l’inquisito abbia agito per tutelare l’interesse supremo dello Stato.

Sarebbe divertentissimo se Matteo Salvini, nella sua difesa, affermasse di aver agito per difendere la Costituzione e, specialmente, quel famoso articolo 52 che i sinistri nostrani dimenticano spesso e volentieri di citare.

venerdì 24 agosto 2018

Qui gli unici pezzi di merda siete voi (di sinistra)


“A bordo non avevamo bambini. Non c’è emergenza sanitaria, la situazione è più che soddisfacente, i migranti mangiano, stanno bene. E non hanno la sensazione di essere sequestrati dal governo”


Due righe, rilasciate a Il Giornale da Massimo Kothmeir, il comandante della Diciotti, per smentire giorni e giorni di allarmismi della sinistra, bufale dei giornali, passerelle dei politici (in prima fila, manco a dirlo, Laura Boldrini) in funzione anti-Salvini.

La verità è molto semplice: sulla Diciotti, la nave della Marina Militare Italiana che, contravvenendo agli ordini del Governo Italiano, ha pescato in acque maltesi (quindi di competenza del Governo maltese, non di quello italiano) dei disperati per portarli in Italia onde poter ingrassare le cooperative rosse e gli affaristi dell’accoglienza, non c’è nessuna emergenza sanitaria, non ci sono minori, non c’è una situazione di emergenza, il cibo basta ed avanza per tutti, non c’è alcun tipo di allarme (e ci mancherebbe anche che chi vuole entrare nella Nostra Nazione senza permesso faccia anche chiasso se non gli prepariamo la passerella e il tappeto rosso).

Quindi la Boldrini, Saviano, Pippo Civati (leggete il suo tweet per capire come quelli di  sinistra, con quell'aura di umiltà e morigeratezza che li contraddistingue da sempre, abbiano perso così soronamente le elezioni), stia simpatica, i coglioni dei centri sociali che hanno tentato con un gommoncino di abbordare la nave al grido di “Salvini assassino!”, la sinistra tutta, in questi giorni hanno solo fatto la cosa che sanno fare meglio, da ottanta anni a questa parte: sparare una quantità impressionante di menzogne.



Sono sempre le parole di Kothmeir a spazzare via tutta la carta straccia e le inutili parole spese in questi ultimi tre giorni sulla falsariga del politicamente corretto e della ipocrita retorica dell’accoglienza: 


“Fortunatamente non c’erano bambini, come invece ho visto scritto sulle testate. I bambini che c’erano sono stati evacuati un quarto d’ora dopo averli imbarcati su questa nave nelle acque di Lampedusa e portati a terra. Peraltro in quel caso erano tutti e tre minori accompagnati dai genitori. I minori che abbiamo invece sbarcato mercoledì in tarda serata, 25 ragazzi e due ragazze, sono stati immediatamente presi in carico dall’organizzazione di assistenza a terra. Da un punto di vista della tutela sanitaria è vero che in tutti questi tipi di interventi si registrano casi di scabbia, ma a bordo i medici del Cisom somministrano specifici farmaci e pomate. La situazione è monitorata, quindi, e non desta al momento alcun tipo di preoccupazione”

Nessun clandestino è stato lasciato sulla nave a contorcersi dai crampi della fame, o senza assistenza sanitaria, o senza acqua, oppure a tremare di freddo sul ponte, come hanno scritto i pennivendoli della sinistra. Anzi, il comandante Kothemeir si toglie un sassolino dalla scarpa anche per quanto riguarda la ong “Terre des Hommes”, la cui portavoce ha parlato di “scheletrini” scesi dalla Diciotti: tutto puntualmente smentito dalle immagini, che tutto ci hanno mostrato fuorché clandestini che sembravano minorenni o in cattive condizioni di salute


“Intanto la maggior parte della popolazione ospite è di origine eritrea, quindi si tratta di persone che sono più snelle rispetto ad altre etnie. Alcuni di questi hanno sicuramente sofferto al momento del viaggio, ma dal momento in cui sono saliti a bordo abbiamo erogato un protocollo nutrizionale approvato che prevede la somministrazione di tre o quattro pasti al giorno. Alla fine siamo arrivati al punto, per motivi organizzativi, che noi dell’equipaggio abbiamo omologato la nostra alimentazione con quella dei migranti”.


Tre o quattro pasti al giorno, giova ricordarlo a Laura Boldrini, a Gad Lerner col suo rolex e ai banditi dei centri sociali, quasi cinque milioni di italiani, che vivono sotto la soglia di povertà, se li sognano abbondantemente. Eppure per questi cinque milioni di italiani nessuna di queste anime belle ha mai indossato una maglietta rossa, o ha mai strepitato in TV, colmo di indignazione e di rabbia, come ha fatto Massimo Cacciari, filosofo ed ex sindaco di Venezia, che ha chiaramente detto che chi non si indigna per la Diciotti è un pezzo di m***a.


 Eh no, caro Cacciari. Per la tragedia di Genova nessuno di sinistra si è mosso. Non una maglietta rossa, non un Saviano, non una Boldrini. I giudici non hanno aperto nessuna inchiesta: basta la Commissione che dovrà formare il Governo e quella interna di Autostrade per l'Italia. Per la nave Diciotti, che ha deliberatamente trasgredito agli ordini e ha raccattato clandestini che volevano deliberatamente entrare in Italia, la Magistratura (assente a Genova) ha aperto un'inchiesta, Saviano (assente ai funerali di Genova) continua la sua opera di diffamazione, le zecche (assenti ai funerali di Genova) siciliane inscenano le loro solite pagliacciate con tanto di arancini, la Boldrini (assente ai funerali di Genova) sale addirittura a bordo per la sua solita lacrimevole sceneggiata. 

Vi indignate, battete i pugni e strepitate solo quando si tratta di favorire l'invasione della Nazione, per il resto gli italiani possono anche crepare nella maniera più barbara che non dite un “ma”. Qui gli unici pezzi di merda siete voi.

mercoledì 22 agosto 2018

Asia Argento, you too!



La storiella che vi sto per raccontare – anzi, probabilmente l’avrete già sentita – sarebbe tutta da ridere se non fosse tragica. Però è divertente, questo si.

Ve la ricordate Asia Argento? La figlia d’arte del Me Too? La femminista? Quella che si abbraccia con la Boldrini? Quella delle messe blasfeme in cui Gesù è una lesbica dei giorni d’oggi? Quella che, con il corpo dell’amante Anthony Bourdain ancora caldo, con le foto di un suo presunto tradimento ai danni dello stesso ancora fresche sulle prime pagine dei principali giornali scandalistici, andò tranquillamente a registrare le puntate di X Factor senza fare una piega? No, probabilmente la ricorderete perché l’anno scorso denunciò il noto produttore hollywoodiano Harvey Wienstein per delle presunte molestie sessuali subite vent’anni fa, nonostante per tutto questo tempo abbia continuato a frequentarlo e a lavorarci insieme.

Grazie al New York Times, che avrebbe ricevuto la soffiata da una lettera di posta elettronica criptata, sappiamo che la Argento avrebbe pagato Jimmy Bennett - un attore all'epoca diciassettenne che avrebbe dovuto interpretare suo figlio in un film - con una cifra di 380.000 dollari per tacere di molestie sessuali subite dal ragazzo e per non divulgare le foto dell’incontro.


Questa vicenda ci dice diverse cose. La prima, palese e brutale, mostra tutta l’ipocrisia e la violenza del politicamente corretto: mentre Asia Argento aveva denunciato Wienstein di aver subito da lui molestie sessuali vent’anni fa (e ciò non le aveva impedito di lavorarci insieme, di frequentarlo, di farsi fotografare sorridente e spensierata insieme a lui) e aveva dato inizio ad una campagna di odio e di diffamazione che si è rapidamente estesa in tutta Europa (in Italia ne ha fatto le spese Fausto Brizzi, regista romano accusato di molestie sessuali da parte di alcune attrici italiane, accuse rivelatesi poi delle colossali invenzioni), la stessa stava trattando con un ragazzino al quale aveva fatto esattamente la stessa cosa: un rapporto sessuale orale non voluto e non richiesto.

La doppia morale della sinistra si è palesata in tutta la sua consistenza. Fatevi un giro sulla pagina Facebook della Argento, o di qualche guru della sinistra che ha trattato l’argomento: sono accuse inconsistenti, bisognerebbe vedere se è vero, la Argento non avrebbe mai fatto un p*****o ad un così bruttarello perché se proprio avesse voluto avrebbe potuto avere di meglio, è solo un attoruncolo in cerca di notorietà. Il tenore è esattamente questo. Frasi e atteggiamenti che a suo tempo furono condannati quando qualcuno osò dire le stesse cose in difesa di Wienstein, e quando la stampa mainstream  e l’opinione pubblica si schierarono compatte al fianco della Argento, sottoponendolo ad un lunghissimo processo mediatico prima ancora che giudiziario. Insomma, come al solito: due pesi e due misure. 

Altro elemento che ci fa be poco sperare per il futuro. A diciassette anni portarci a letto una donna più grande, a maggior ragione ricca e facoltosa, è il sogno di ogni ragazzino. Chiedere un risarcimento danni perché una ti ha fatto un p*****o e ne sei rimasto impressionato significa solo due cose: o che sei un adolescente rincoglionito, perché non si è mai visto un uomo scandalizzato per la patata, oppure che la tipa in questione è brutta come le emorroidi a ferragosto.